L’eredità di Amos

4,99

Formato: Epub, Kindle

Autore: Gemma Piazzardi

Note sull’autore

COD: ISBN 978-88-6690-219-5 Categoria: Tag:

Descrizione

L’eredità di Amos racconta una storia giocata tra presente e passato: il presente è quello di Athina Delimari, una giovane archeologa, che nel 2012 si reca nell’isola di Rodi alla ricerca dei documenti lasciati, ne è certa, dal nonno paterno, Amos, venuto poi a nascondersi a Roma, dove viene catturato con la famiglia perché ebreo proprio mentre gli Alleati stanno entrando nella capitale nel giugno del 1944, cattura a cui sfugge per un semplice caso una figlia, Miriam, che sarà la madre di Athina. La storia del passato inizia nel 1937, quando il nonno Amos, allora giovane e promettente archeologo specializzato nella traduzione di epigrafi, conduce le sue ricerche nelle isole di Rodi, Kos e Kalymnos, sottraendosi così, in un primo tempo, alle leggi razziali promulgate nel 1938; a Rodi, il giovane conosce la nipote del governatore italiano dell’isola, la bella Germana, che diventerà sua moglie, gli darà due figli, Davide e Miriam, e lo seguirà fino alla fine nel suo tragico destino. Attraverso le ricerche della giovane Athina viene messo in scena un periodo buio e difficile della storia d’Italia, con i giochi di potere e l’arrivismo di alcuni loschi individui, il declino del fascismo ma anche la generosità e l’amicizia perfino di persone che la storia indicava invece come nemiche.

INCIPIT

Rodi, 2 settembre 2012

Athina Delimari si sporse dalla fiancata della nave che entrava maestosamente come un cigno stanco nel porto di Mandraki.

Aveva tanto atteso quel momento, lo aveva preparato nella mente e nel cuore ed ora temeva di essere delusa non perché il porto non fosse bello, anzi! Ma perché si sentiva come sopraffatta dalle memorie.

La prozia Anna le aveva descritto tante volte l’isola delle rose.

“Tu non puoi neanche immaginare quanto sia splendida, ogni pietra ha una storia, un colore, andrai verso il castello e incontrerai chiese bizantine e moschee mescolate insieme come su un arazzo e vorresti essere né italiana né greca né turca ma semplicemente una donna di Rodi. Le sue rose sono speciali, perfino i consoli romani, dopo una vittoria, erano incoronati, non d’alloro ma di rose.”

“Anche ai nonni piacevano?”

“Tantissimo… mi hanno detto che lui ogni volta che si incontravano le portava una rosa e una rosa di corallo e d’oro fu il suo ultimo regalo prima del ritorno.”

Anna non parlava volentieri di suo fratello, di sua moglie e dei loro bambini, sembrava che ogni volta soffocasse un dolore e quando proprio non riusciva a sottrarsi alle domande di Athina, concludeva:

“Tu sei giovane, è la tua vita che conta ora, non pensare più a quello che è successo. I tuoi nonni si sono amati profondamente e sono stati felici finché è stato possibile. Ricorda solo questo.”

L’Esperia si accostava alla banchina, tutti si affrettavano verso l’uscita. Athina non si muoveva ancora, voleva vedere dal mare la città che si presentava chiusa nelle sue mura, poteva permettersi di indugiare, non doveva andare alla ricerca del suo bagaglio, aveva solo un piccolo trolley con sé. Nessuno l’aspettava, l’albergo che aveva prenotato era sul lungomare, non distante dal porto, sapeva che da un tunnel si arrivava direttamente sulla spiaggia.

“Potrò fare qualche bagno, non sarò sempre impegnata.”

Non si accorse che anche l’ultima persona aveva lasciato la nave e che restava solo lei, accanto alla scaletta c’era un gruppo di ufficiali e, tra questi, il comandante, Stavros Yannis.

Soffocò un moto di stizza.

“Penserà che mi sono trattenuta apposta per poterlo salutare senza tanta gente intorno e invece non ne ho avuto proprio l’intenzione.”

Quando lei gli passò vicino, lui le si parò davanti scherzosamente ed esclamò in italiano:

“E se non la facessi scendere?”

Gli occhi erano ironici e ridenti come sempre durante la traversata.

Lei finse di stare allo scherzo.

“Sequestro di persona… la sua carriera sarebbe rovinata.”

“Lei ha già rovinato la mia vita, cosa vuol che m’importi della mia carriera? Comando navi da anni, più di quello che sono non potrò diventare. Lei ha fatto a pezzi il mio cuore con la sua indifferenza, quando sarà scesa il mio cuore la seguirà e io cadrò morto.”

“E come farà a seguirmi se io l’ho ridotto a pezzi?”

Suo malgrado rise, il comandante era spiritoso, solo bisognava non dargli corda, lo aveva visto corteggiare parecchie ragazze dalla partenza della nave da Atene e tutte sembravano cadere vittime del suo fascino.

Lui riprese:

“Mi darà l’occasione di mostrarle i luoghi più suggestivi di Rodi. Non devo partire subito.”

“Ma non ci penso proprio!”

“Viva la sincerità! Davvero non vuole scoprire le meraviglie dell’isola con una guida competente come me?”

“Non sono qui per ragioni turistiche, ma le assicuro che, se per caso avrò bisogno di una guida, mi ricorderò della sua offerta.”

“Ha visto che, ad insistere, si ottiene sempre qualcosa?”

“Non s’illuda… molto poco.”

“Meglio poco che niente. Si ricordi, sono a sua disposizione!”

“Me ne ricorderò.”

La voce di lui la inseguì:

“La cercherò in ogni angolo dell’isola. Comunque, quando sono a Rodi, vado ogni sera al Casinò dell’Albergo delle Rose.”

“Se mi verrà voglia di giocare, ci incontreremo lì, allora.”

Non aveva nessuna idea di rivederlo, non per un incontro sentimentale era venuta a Rodi ma per una specie di obbligo morale verso sua madre e i suoi nonni e per trovare una risposta a un destino spaventoso che aveva coinvolto loro come milioni di altre persone.

Mentre lasciava la nave e s’inoltrava nel Mandraki verso il suo albergo ricordò l’ultima visita alla Residenza svedese che nel 1944 ospitava l’Ambasciata.

La segretaria dell’ambasciatore era stata, come sempre, gentilissima.

“Mi creda, Dottoressa Delimari, abbiamo cercato dappertutto ma qui non c’è nessuno scritto di suo nonno. Abbiamo frugato in ogni angolo, siamo scesi nei rifugi antiaerei. Forse suo nonno ha distrutto tutto prima di uscire, temeva che finisse nelle mani dei tedeschi.

“No, sono sicura che non l’ha fatto. I tedeschi stavano andandosene, gli americani erano alle porte, lui si sentiva in salvo e salvo era il suo lavoro.”

Miss Larsson aveva continuato:

“Non so proprio cosa dirle… qui tutti sapevano che l’opera di suo nonno era importantissima per la comunità scientifica, nessuno si sarebbe attentato a spostare qualunque cosa gli appartenesse. Dopo quello che accadde, tutto fu conservato, gli oggetti sono stati lasciati così come lui li vide per l’ultima volta. Nessuno ha più abitato la sua camera nella mansarda. Vuole rivederla?”

“No, grazie, ci sono già stata varie volte, me la ricordo bene.”

“Forse qualche particolare può esserle sfuggito. Lei sa che la realtà che ci circonda è più misteriosa di quanto immaginiamo. Non si è mai accorta a casa sua, di non riuscire a vedere cose che erano sotto i suoi occhi?”

“Dubito che in questo caso possa succedere, ma saliamo pure, mi fa sempre piacere rivedere ciò che era appartenuto ai miei nonni.”

Lasciarono la sala dove Athina era stata ricevuta, attraversarono una fila di salotti e salottini finché Miss Larsson si fermò davanti a un armadio, aprì un’anta e s’infilò su una scala a chiocciola. Arrivarono a una mansarda divisa in due vani, ben arredata e tenuta in perfetto ordine.

“Suo nonno, mi hanno riferito, preferiva lavorare in biblioteca, raramente qui. L’ambasciatore di allora era solito intrattenersi con lui, s’interessava alle sue traduzioni. In gioventù si era occupato di archeologia come il nostro defunto sovrano. Quando venivano i tedeschi in visita o per qualche ragione particolare, però ovviamente suo nonno non scendeva. La situazione era molto delicata, non solo qui ma anche nel mio Paese, era neutrale ma i tedeschi avrebbero potuto occuparlo da un momento all’altro, allora avremmo dovuto chiudere la sede di Roma e partire. Suo nonno era stato cercato dappertutto, non bisognava scoprire che si era rifugiato qui, paradossalmente la sua stessa fama tra gli epigrafisti tedeschi era un pericolo per lui.”

“E mia nonna e i bambini cosa facevano mentre lui lavorava?”

“La signora insegnava ai bambini, nel tempo libero aiutava suo marito. Mi hanno detto che sembravano sereni, scherzavano, pareva loro un prodigio essere sfuggiti alla cattura ed essere ancora insieme.”

Athina si era guardata intorno, conosceva a memoria ogni suppellettile, ogni oggetto ma si sentiva commossa come il primo giorno in cui era entrata in quella mansarda.

Aveva accarezzato la coperta gialla del letto e si era avviata alla scrivania dov’erano i vocabolari di greco e latino di suo nonno, uguali a quelli che erano serviti a lei, il Rocci, il Georges, il Badellino.

Accanto c’era anche un foglio ingiallito con un’annotazione:

“Il trattato di Kos recita…”

Non c’era scritto altro: suo nonno pensava di proseguire il lavoro al suo ritorno, Athina poteva immaginarsi come in un film lo svolgersi degli avvenimenti. Si era alzato, aveva guardato fuori dalla finestra, constatato che era una splendida giornata e deposto ogni prudenza. Sapeva che gli Alleati stavano arrivando, forse erano a pochi chilometri e così aveva deciso di uscire con sua moglie e suo figlio, sua figlia Miriam era rimasta a casa.

Poi tutti e tre erano stati inghiottiti dal nulla, erano seguiti il dubbio, l’incertezza, la paura, le frenetiche telefonate. L’ambasciatore si era rivolto a tutti i suoi colleghi, forse il professore, resosi improvvisamente conto che era in pericolo, si era rifugiato in una sede diplomatica?

Era il 3 giugno del 1944, i tedeschi stavano abbandonando la città, sembrava impossibile che, proprio nelle ultime ore, volessero caricarsi di una famiglia di ebrei.

E invece era successo proprio questo: Miriam ricordava di aver sentito rumori di camion che si allontanavano. Su uno di questi c’era la sua famiglia ma lei non lo sapeva.

Il giorno dopo, finalmente, gli americani erano a Roma e Miriam era stata libera di uscire e di andare dove voleva ma non aveva più né padre, né madre, né fratello.

Aveva ricordato infinite volte quell’ultimo giorno, aveva ripetuto con sua figlia ogni minimo particolare.

Avevano fatto colazione tutti insieme, il cuoco aveva preparato, come sempre, cioccolata e deliziosi croissant, avevano eseguito esercizi di ginnastica, poi aveva sentito sua madre che chiedeva:

“Ma sei proprio sicuro che facciamo bene ad uscire oggi? Non è meglio aspettare?”

“Ma no, tutto è finito ormai, finalmente possiamo andare all’aperto e respirare un po’ d’aria libera…”

Poi suo padre aveva detto qualche altra cosa che lei non aveva capito bene e si era rincantucciata sotto le coperte. Era stata lì tutto il pomeriggio, i suoi l’avevano puntita perché aveva litigato con Davide.

Era sicura però che avrebbe fatto pace al suo ritorno.

Ma erano passate parecchie ore e nessuno tornava: quando era già buio avevano bussato alla porta, era entrata la moglie dello ambasciatore, aveva acceso la lampada rosa, si era seduta sulla sponda del lettino, l’aveva abbracciata, cosa che l’aveva stupita non poco perché Madame era stata sempre molto formale.

Miriam aveva risposto all’abbraccio con quell’aria intenta che hanno i bambini quando accade qualcosa di insolito.

Madame, anche questo era strano, aveva gli occhi pieni di lacrime.

“Papà, mamma e Davide staranno via per un po’ di tempo, tu resterai con noi finché non torneranno.”

“Non tornano stasera? Non erano usciti solo per una passeggiata?”

“Hanno avuto un contrattempo, ma non preoccuparti.”

Quella notte Madame aveva dormito con lei nella mansarda e da allora era stata protetta e amata come una figlia.

Chiedeva ogni giorno dei suoi genitori, le mancavano e così suo fratello ma si fidava, pensava che un giorno o l’altro sarebbero tornati, riceveva sempre risposte vaghe alle sue domande e aveva creduto di rivedere tutti presto, finché una mattina, giocando a palla nel giardino, era passata vicino alle finestre del salone e aveva sentito l’ambasciatore e Madame che parlavano.

Lui diceva:

“Bisognerà cominciare a prepararla, dovremo pur dirglielo un giorno, non fa altro che chiedere dei suoi. È piccola ma finirà col domandarsi come mai non tornino. Sa che Roma è stata liberata, non so fino a che punto potremo continuare a non dirle la verità.”

“Aspettiamo ancora un po’ è serena, non togliamole la speranza. In fondo potrebbero anche essersi salvati…”

“Impossibile! Furono caricati su un camion che li portò direttamente ad Auschwitz.”

“Ma anche da Auschwitz qualcuno può tornare. Ci sono forse probabilità che siano scampati, la guerra non è finita, le strade son interrotte, forse cercano di arrivare qui e non possono.”

“No, non c’è nessuna speranza: il Dottor von Kreuzburg ha fatto delle ricerche accurate e ha saputo che del convoglio di cui facevano parte nessuno fu risparmiato o mandato a lavorare. Finirono tutti nelle camere a gas. Sai, i tedeschi erano accuratissimi nel registrare gli arrivi e i decessi.”

“Povera Miriam! Chi avrà mai il coraggio di dirle quello che è successo?”

Non c’era stato bisogno di trovare le parole adatte, perché lei era lì, era entrata dalla portafinestra, si era appoggiata a una consolle ed era diventata tutta rigida, come pietrificata, una strana calma occupava la sua mente.

“Papà, mamma e Davide non ci sono più.”

L’ambasciatore e sua moglie si erano guardati costernati e pensavano che era stata una sfortunata coincidenza che avessero parlato in italiano, di solito non lo facevano ma non avrebbero mai immaginato che Miriam potesse sentirli.

Sarebbe anche bastato che la palla di Miriam fosse volata lontana dalla vetrata e avrebbero potuto attendere qualche mese ma il destino non aspetta il tempo opportuno e forse il tempo opportuno non sarebbe venuto mai.

Non aveva pianto e non sarebbe più riuscita a versare una lacrima per tutta la vita, avrebbe avuto, al posto delle lacrime, delle crisi di annientamento in cui non aveva la forza di muovere un dito e non poteva articolare una sillaba. Finiva in un baratro da cui sembrava impossibile risalire, come in quel momento.

Aveva sentito qualcos’altro dal Dottor Olofson.

“Ma perché, diavolo, il professor Mortara è uscito quel maledetto giorno? Cosa c’era di così urgente?”

“Doveva certo incontrare qualcuno, se no con i tedeschi ancora in città, avrebbe rimandato, ma non lo sapremo mai.

So solo che non avrebbe mai esposto a un rischio i suoi se non si fosse sentito più che sicuro.”

Il mondo di Miriam era morto quella mattina e da allora era nata un’altra bambina che non aveva niente a che vedere con quella di prima.

Era sopravvissuta al dolore, aveva studiato, aveva lavorato, si era sposata e aveva avuto una figlia ma la Miriam di cinque anni aveva seguito i suoi ad Auschwitz.

La domanda che l’ambasciatore aveva rivolto a sé stesso l’aveva continuamente tormentata e veniva fuori nei momenti più impensati anche quando era in compagnia di persone amiche. A una festa di laurea aveva incontrato Ferdinando, lo aveva notato subito in mezzo a una folla di amici e conoscenti per la sua espressione seria e comprensiva. A un certo punto, tutti avevano cominciato a ballare salvo lei che, improvvisamente, era stata colta da quella domanda che non le dava pace e dal mal di testa che la seguiva.

Conosceva la casa e sapeva che sdraiarsi sul letto l’avrebbe fatta sentir meglio, così si era distesa e, poco dopo, aveva visto una persona china su di lei.

“Stai male? Studio medicina, posso far qualcosa per te?”

“Grazie, ma non ho bisogno di niente, solo devo restare tranquilla per un po’. Mi danno fastidio i rumori.”

“Non ti dà noia se resto qui con te?”

“No, fermati.”

Era cominciata così, poi lui l’aveva accompagnata a casa e le aveva proposto con delicatezza di rivedersi.

Avevano cominciato a frequentarsi, se lei accettava un appuntamento e poi non andava perché si era sentita male, lui non si offendeva, sembrava capire tutto e lei gli era grata delle sue attenzioni discrete.

Non era stato un sentimento improvviso ma era diventato profondo in poco tempo e lei si era resa conto che non riusciva più a concepire la sua vita senza di lui.

Era stato l’unico, al di fuori dei pochi parenti che le erano rimasti, con cui era riuscita a raccontare la tragedia della sua famiglia, le sembrava che quel dolore così grande, dovesse restare solo suo. Invece con lui tutto era stato naturale e semplice:

“Sai, io non so se potrò mai considerarmi una donna normale. Quando mi vengono le crisi, sento di non essere più padrona di me, non ho più nessuna reazione, chiunque potrebbe farmi qualunque cosa e io non potrei oppormi. In quei momenti non so più chi sono e da dove vengo.”

“A me basta sentirti vicino, Miriam. Io non pretendo di cancellare il tuo dolore, ma, forse, circondata dal mio amore, potresti sentirti meglio. Quando arrivano le crisi, potremmo affrontarle insieme. Se tu non volessi vedermi in quei momenti perché hai necessità di stare sola, io non ti disturberei.”

Ferdinando le aveva dato tutto l’amore che una donna possa desiderare, fino alla morte di lui si era detta che non avrebbe mai potuto incontrare un uomo migliore e, dopo, non aveva fatto che rimpiangerlo.

Le aveva anche consentito una vita agiata, pur invogliandola a continuare il suo lavoro di disegnatrice di libri per ragazzi.

Poteva svolgerlo in casa e non doveva render conto a nessuno quando stava male.

Ferdinando era diventato un importante dirigente della Sanità e amava la sua professione ma lei sapeva che avrebbe lasciato tutto per lei se fosse stato necessario, anche se lei non lo avrebbe mai accettato.

S’impegnava a cercare ogni cosa che potesse farle piacere, dalle piccole alle grandi, perfino i regali di Natale li acquistava con molto anticipo e li riponeva in cassaforte, tanto è vero che Miriam e Athina li avevano trovati lì dopo la sua morte per una breve e micidiale malattia.

Miriam accarezzando il suo regalo aveva mormorato:

“Vedi che delicatezza d’animo aveva tuo padre! Temeva sempre che gli accadesse qualcosa d’imprevisto e non si preoccupava per lui ma aveva paura che noi non avessimo quello che aveva preparato. “

Piangendo, Athina aveva aperto il suo, una miniatura che rappresentava un angelo dell’Incoronazione della Vergine di Simone Martini.

Athina sapeva che suo padre si era rivolto per quel dono a un famoso artista di Siena, le aveva sempre regalato miniature di opere d’arte tanto che ne aveva una piccola collezione.

Sua madre aveva sussurrato:

“Se sono riuscita a vivere, lo devo a lui, niente poteva salvarmi. So ora che non avrei mai superato la mia angoscia da sola.

Lui sapeva arrivare nel profondo del mio cuore e ha cercato di restituirmi il piacere dell’esistenza. “

Athina non aveva aggiunto nulla, sapeva perfettamente quanto fosse stato grande il legame tra i suoi genitori, tanto è vero che avevano aspettato quasi dieci anni prima di averla perché si sentivano completi come coppia. Quando lei era nata, l’avevano ugualmente ricoperta d’amore inserendola nel loro circuito affettuoso.

Quando il padre era morto, le crisi della madre erano diventate più lunghe e più frequenti, lei era abituata a riconoscere in anticipo quei momenti perché sua madre impallidiva, non voleva parlare e diceva:

“Non puoi capire che cosa provo…”

Solo poco tempo prima della sua morte, quei momenti erano divenuti più rari, come se, in certa misura, sua madre avesse accettato il suo passato, ma non era vero, si stava solo preparando ad andarsene.

Athina, come sempre, aveva continuato a scuoterla:

“Mamma, è passato tanto tempo… non puoi farti una colpa di esserti salvata solo tu. Se tu fossi uscita con loro quel giorno saresti morta anche tu.”

“Sarebbe stato meglio.”

“Ma cosa dici? Hai avuto una famiglia, papà ti ha tanto amata, sono nata io… neppure la mia nascita ha significato qualcosa per te?”

“Ha significato tanto ma tu non ti meritavi una madre come me.”

“Ma no, mamma! Tu sei la madre migliore che io potessi desiderare, tu e papà siete stati per me l’esempio più bello di due persone che si volevano bene. Tu stai male sempre più raramente, quando succede, io vorrei aiutarti più di quanto posso, non sempre ci riesco, vorrei fare di più.”

“Ci riesci, invece, il solo pensiero che esisti mi dà sollievo ma ora usciamo, andiamo a fare un po’ di shopping…”

Si alzava dal letto, si vestiva, si truccava, era ancora una bella donna e amava gli abiti eleganti, gli accessori raffinati.

Guardavano le vetrine di via della Croce e finivano il pomeriggio con un tè da Babington. Athina sapeva che quello era uno dei modi di sua madre di reagire e anche quanto le costasse fatica cercare di vivere come gli altri. Era sempre pronta ad accompagnarla dove volesse perché era necessario distrarla e allontanarla dal pensiero dominante.

Miriam aveva resistito finché aveva potuto e poi aveva ceduto: sembrava che fosse morta nel sonno per un infarto ma Athina, aprendo un cassetto, aveva trovato una scatola di medicinali vuota ed era sicura di aver notato il giorno prima che era appena iniziata. Era una medicina che sua madre assumeva abitualmente ma poteva essere pericolosa se presa in quantità eccessiva.

Ne aveva parlato col medico che curava sua madre da tanti anni.

“Dottore, ho il sospetto che mia madre si sia suicidata…”

“È una realtà, non un sospetto, tua madre sapeva benissimo che non doveva superare la dose che le avevo prescritto. Ma che senso ha cercare di scoprirlo ora? Io lo so, tu lo sai, a chi le voleva bene non importerà conoscere la causa della morte. Tua madre ha cercato di combattere il suo dolore per anni, è stata come un soldato che muore al fronte sapendo che la battaglia è perduta.

Tu non avresti potuto far nulla per impedire la sua resa e neanche tuo padre se fosse vissuto. Le sei stata vicina e lei aveva solo paura di non riuscire a dimostrarti il suo affetto. Sapessi com’era fiera di te! Non farti più domande.”

Aveva seguito il consiglio del medico ma, anche dopo la morte, la voce di sua madre risuonava in lei:

“Vorrei ricordare, ma non riesco… Perché mio padre non aspettò l’arrivo degli americani? Ho per caso visto nella strada la persona che doveva incontrare? Ha pronunciato qualche parola prima di uscire? Avevo lasciato per un attimo il lettino e mi ero affacciata alla finestra, era alta ed ero salita su una sedia. Scorsi una figura, poco più di un’ombra con cui mio padre parlò. La strada, dopo l’Ambasciata, faceva una curva, svoltarono e non vidi più nessuno, mio fratello si girò, l’ultima cosa che distinsi furono i suoi riccioli castani e il suo sguardo: aveva bellissimi occhi nocciola, solo in questo, come gemelli, eravamo diversi perché io li ho grigi. Quando ricordo quello sguardo, più di sempre ho voglia di morire perché avevamo litigato prima che uscisse. Se gli sono venuta in mente prima di essere ucciso, a questo avrà pensato.”

“Mi sembra che mi chiami, che tutta la mia famiglia mi chiami. Li sento gridare nella camera a gas, chiedermi perché non sono con loro. Lo sai che i gemelli non riescono a staccarsi mai, anche se uno è morto e l’altro vivo?”

Ora, mentre Athina ammirava l’azzurro del mare dal terrazzo dell’Hotel Mediterraneo, rinnovò a sé stessa una promessa:

“Se c’è qualcosa qui che possa spiegare quello che avvenne farò di tutto per scoprirlo, te lo assicuro, mamma…

La cattura è avvenuta a Roma ma qualche indizio potrebbe trovarsi qui. Siete vissuti qui molto più tempo che a Roma.”

Quella convinzione aveva fatto crollare le sue ultime esitazioni, sì certo c’erano state le pressioni di De Francisci, il suo professore e l’incontro decisivo con la donna che aveva condiviso parte della giovinezza dei suoi nonni ma non sarebbero bastati se non avesse sentito che doveva partire.

Il sole stava calando e le mura erano inondate da un pulviscolo d’oro.

Alla reception dell’albergo aveva sbrigato velocemente tutte le formalità ed era salita nella camera che le avevano riservato, ampia e piena di luce. Il vento portava profumi di oleandro e di un altro fiore che Athina non seppe riconoscere, aveva già disfatto il suo bagaglio e aveva appeso i due abiti eleganti che aveva portato con sé. Non si aspettava occasioni mondane e neanche la interessavano ma, se si fossero presentate, non voleva mostrarsi trascurata, aveva sempre pensato che fosse un segno di rispetto per gli altri, non le erano mai piaciute le compagne che mettevano jeans sbrindellati e maglioni informi. Si rese conto che era l’ora di cena, non aveva fame, prima di entrare in albergo aveva comperato una confezione di yoghurt greco che le piaceva molto e che non sempre trovava a Roma. Era presto comunque per andare a dormire e decise di fare una passeggiata. Sarebbe andata nella città vecchia, sapeva che al Castello dei Cavalieri, nel Collacchio c’era uno spettacolo di ‘Son et Lumière’ e pensò che sarebbe stato piacevole assistervi. Non sarebbe finito tardi e non si sarebbe stancata, visto che il giorno dopo sarebbe stato il suo primo giorno di lavoro, un lavoro forse inutile ma che avrebbe svolto con ogni scrupolo.

1 recensione per L’eredità di Amos

  1. Cinzia M

    L’invidia e la volontà di rivalsa contro chi è più capace, ma non ha diritto di esserlo perché appartiene ad una minoranza perseguitata, ma anche l’amore e la speranza in un futuro, contro ogni ragionevolezza, migliore, muovono i protagonisti di questo romanzo.
    La storia si svolge parallelamente in due tempi, durante il ventennio fascista, prima e durante la promulgazione delle leggi razziali, e ai giorni nostri, sul filo dell’indagine con cui una dei protagonisti, una donna sola e disillusa, cresciuta accudendo una madre fragile e malata, cerca di chiarire i motivi del destino della sua famiglia, e della sua immensa solitudine.
    Solitudine che è contrapposta a quella dei protagonisti che vivono il periodo su cui lei indaga, il ventennio fascista; giovani che nutrono l’illusione di vivere in un periodo d’oro, durante il quale sembra nulla possa essere loro precluso, l’amore, il successo nella carriera, la felicità.
    Tre di loro sono giovani archeologi, amici e rivali in amore e sul lavoro, partecipano allo stesso progetto di scavi, sotto l’egida del loro professore universitario che dall’Italia li guida, e si contendono la stessa donna, Germana, la venere dell’isola. Non tutti e tre hanno però le stesse capacità, uno, Amos, spicca sugli altri e ottiene, oltre che i maggiori riconoscimenti accademici, anche l’amore di Germana. Amos però è ebreo e la politica diviene per qualcuno degli altri facile strumento di rivalsa.
    La scrittura potrebbe forse essere più accurata, e il trasferimento della narrazione da un periodo all’altro non è sempre perfettamente orchestrato, ma la perfidia, il disinteresse per quanto non sia il proprio immediato tornaconto di alcuni protagonisti, l’ingenuità, la speranza coltivata contro ogni evidenza da altri, e ancora la tristezza, la disillusione di chi ha subito le conseguenze di tragiche azioni sono resi molto bene, e la narrazione di un periodo storico da noi visto come negativo, com’era vissuto da chi credeva nei benefici di una determinata linea politica, e non poteva o non voleva vedere le tragedie cui avrebbe portato, è molto interessante e rende il romanzo meritevole di essere letto.

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *